Select Your Style

Choose your layout

Color scheme

Ruolo della curcuma nella salute dei polmoni

I polmoni sono organi molto importanti, che svolgono un ruolo fondamentale per la nostra sopravvivenza, permettendo la respirazione o, più correttamente, la ventilazione, che permette all’ossigeno presente nell’aria di incontrare i globuli rossi nel sangue, i quali lo trasporteranno in tutto l’organismo per permettere lo svolgimento corretto delle reazioni chimiche aerobie. In mancanza di funzionamento dei polmoni, la nostra sopravvivenza sarebbe compromessa.

L’aria che respiriamo, tuttavia, spesso non è salubre e questo fa sì che i polmoni siano tra gli organi più esposti a diversi tipi di patologie: dalle infezioni, come le polmoniti, alle infiammazioni di carattere più generico, passando per le fibrosi fino ad arrivare alle neoplasie.

La prevenzione di questa malattie che possono anche avere esito infausto, è l’aspetto sul quale lavorare, partendo dal nostro stile di vita e dalla cura dell’alimentazione.

Il tessuto che compone i polmoni è di tipo epiteliale, come quello che costituisce la pelle, quindi fortemente soggetto a rigenerazione. Questo è da un lato un vantaggio, perchè sono organi in grado di rigenerasi rapidamente dalle ferite ma è allo stesso tempo uno svantaggio, perchè un’evenetuale crescita incontrollate di cellule, come nel caso di tumori, è molto più veloce rispetto a quelle di cellule che originano da altri tessuti.

Inoltre i polmoni sono tra gli organi più a rischio di insediamento di metastasi di tumori originati in altre parti del corpo, come ad esempio la mammella.

 

Le neoplasie polmonari e la prevenzione

Le neoplasie polmonari sono la conseguenza di alcuni fattori di rischio, di natura generalmente ambientale, che impediscono l’attivazione dei corretti meccanismi di limitazione della crescita incontrollata delle cellule. In pratica, degli agenti esterni possono danneggiare il DNA, permettendo l’attivazione della moltiplicazione cellulare ma, allo stesso tempo, inibire i meccanismi che ne limitano la crescita. È così che le masse iniziano a svilupparsi.

La prevenzione delle neoplasie passa quindi innanzitutto per l’eliminazione dei fattori di rischio.

Il più comune tra questi è sicuramente il fumo di sigaretta, attivo o passiv, che genera dei derivati dalla combustione del tabacco, i quali sono sicuramente cancerogeni.

Vi è poi l’inquinamento ambientale, tipo di alcune zone del nostro paese e delle grandi città, e il rischio professionale legato al contatto con alcune sostanze cancerogene come l’asbesto contenuto nell’amianto o la polvere di silicio. Per stimolare la rigenerazione polmonare, in grado di contrastare il rischio di insorgenza di queste patologie, è utile praticare una regolare attività fisica.

Ma anche l’alimentazione è importante, e da questo punto di vista diversi studi sottolineano l’effetto della curcumina, una molecola prodotta dalla Curcuma longa, che permette di abbassare ulteriormente il rischio delle neoplasie polmonari.

 

Il ruolo della curcumina

Stando alla documentazione scientifica ad oggi disponibile, la curcumina sembra essere in grado di ridurre la vitalità di alcune specifiche linee cellulari proprie del polmone, aumentando in proporzione la difesa immunitaria contro queste cellule.

La curcumina sembra infatti essere in grado di interagire con i meccanismi biochimici che causano la progressione della neoplasia, come sperimentato sia sui modelli animali sia sulle cellule del polmone umano, confrontando la crescita delle neoplasie.

La molecola non sarebbe in grado direttamente di modificare lo sviluppo cellulare, ma avrebbe solo un’azione di tipo indiretto: è infatti in grado di aumentare il numero di particolari molecole antiossidanti dette ROS, o specie reattive dell’ossigeno, in grado di legarsi ad altre sostanze potenzialmente dannose e in questo modo di neutralizzarle prima che riescano a danneggiare ulteriormente l’organo.

I risultati ottenuti nella prevenzione legata all’assunzione di curcumina sono molto incoraggianti e si uniscono agli studi riguardanti le vitamine, ad esempio quelle ad azione antiossidante, come la vitamina C. Permettono di capire come l’alimentazione svolga un ruolo fondamentale nella prevenzione delle neoplasie, naturalmente se correlata alla prevenzione relativa allo stile di vita. La curcumina, infatti, può poco se, per esempio, si continua a fumare durante la terapia, perché l’azione cancerogena del fumo avrà un effetto molto superiore a quello chemiopreventive delle sostanze naturali.

Se l’assunzione di curcuma è in grado di supportare notevolmente la funzionalità del sistema immunitario, rimane importante ricordare che un mezzo fondamentale per la prevenzione è rappresentato comunque dallo screening, che permette di individuare forme polmonari piccole in modo precoce, e che rappresenta un ottimo modo per prendere le dovute precauzioni già prima che la patologia possa diventare eccessivamente grave e molto più difficile da trattare.

Fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5704273/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2691137/

Author Info

Internazionale Biolife S.r.l.

WhatsApp chat