Select Your Style

Choose your layout

Color scheme

Melatonina, un integratore per gli sportivi

Come può essere utile la melatonina per l’attività sportiva?

Principalmente la melatonina è una molecola che stimola il sonno, quindi in qualche modo si potrebbe essere indotti a credere nemica dell’attività sportiva. Tuttavia nuovi studi scientifici indicano che si tratta di un’integrazione che, nel lungo periodo, può migliorare le prestazioni degli sportivi.

In questo articolo andremo a descrivere gli effetti della melatonina nell’attività sportiva.

 

Meccanismo di azione della melatonina

Premesso che, ad oggi, il ruolo della melatonina nell’attività sportiva è ancora lontano dall’essere chiarito, i singoli studi che hanno affrontato l’argomento hanno dato esito favorevole all’utilizzo di questa molecola nella pratica sportiva.

Per capirne meglio il funzionamento, è doverosa una premessa: la melatonina è un ormone prodotto dall’organismo umano, in particolare da una ghiandola cerebrale chiamata epifisi, ed ha lo scopo di indurre il sonno, controllando il ritmo circadiano, anche detto “ritmo sonno-veglia”. Questa molecola è comune all’uomo e agli animali, ma anche alle piante, che la utilizzano per uno scopo simile. La molecola utilizzata negli integratori alimentari viene estratta proprio dalle piante, e viene prescritta per sopperire alla mancanza di quella prodotta fisiologicamente.

I benefici della melatonina nella pratica sportiva sono diversi, qui di seguito indichiamo i più interessanti:

  • effetto antiossidante. Per quanto non sia la sua funzione principale, la melatonina è un antiossidante, ovvero una sostanza che combatte i radicali liberi prodotti in grandi quantità dagli sportivi e che danneggiano gli organi. A lungo termine, nell’uomo che pratica sport in maniera regolare i radicali liberi intaccano le articolazioni, che possono essere protette grazie all’assunzione di melatonina, così come di altri antiossidanti;
  • effetto regolatore del sonno. Molti sportivi soffrono della cosiddetta sindrome da overtraining, una consizione in cui l’allenamento eccessivo, specie se fatto nelle ore serali, impedisce l’addormentamento e ciò può avere ripercussioni negative sia sulle prestazioni future nonchè sulla salute generale dell’organismo. L’assunzione costante di melatonina per la stimolazione del sonno, la sera prima di coricarsi, è quindi utile per conciliare il sonno e migliorare lo stato di salute dell’organismo.
  • effetto stimolatore dell’ormone GH. Questo ormone, importante soprattutto nei bambini, è responsabile della crescita corporea. Nell’adulto viene secreto in quantità minori e ha lo scopo di stimolare la crescita dei tessuti e dei muscoli. L’effetto dell’ormone GH è così importante che nella forma iniettabile è addirittura una pratica illegale nell’ambito delle competizioni sportive. Della melatonina, invece, che stimola la secrezione dell’ormone GH, non si può dire altrettanto. Poiché la secrezione rimane comunque limitata, non vi è alcun rischio di esagerare incorrendo nel doping, nè di sviluppare effetti collaterali, che potrebbero invece presentarsi con la somministrazione dell’ormone in forma pura. Il GH stimola la crescita delle cellule muscolari, l’utilizzo dei grassi a scopo energetico (i grassi liberano il doppio dell’energia rispetto agli zuccheri). Con un’assunzione costante si possono ottenere vantaggi diretti sulle prestazioni sportive.

In generale, come quasi tutti gli integratori, la melatonina genera effetti benefici nel  lungo periodo, quindi se lo sportivo è alla ricerca di prestazioni eccellenti da raggiungere rapidamente, dovrà assumere sostanze diversi.

 

Quando deve essere assunta la melatonina per l’attività sportiva

L’assunzione della melatonina è stata valutata dallo studio che ne ha esaminato anche gli effetti benefici in relazione allo sport, stabilendo che il momento migliore per la sua assunzione è il giorno prima dell’attività sportiva.

Al contrario si sconsiglia di fare uso dell’integratore il giorno stesso della prestazione, perchè potrebbe addiritura influire negativamente sulla stessa, stimolando l’attivazione del sistema nervoso parasimpatico. Bisogna però aggiungere che la sua somministrazione deve avvenire per alcuni giorni consecutivi per generare gli effetti positivi descritti sopra, e in particolare l’effetto antiossidante. La singola assunzione, invece, non genera sensibili miglioramenti della prestazione.

La melatonina non dà effetti collaterali, né comporta sanzioni di alcun genere se utilizzata nell’ambito dell’attività sportiva agonistica, per quanto sia comunque consigliabile farne uso sotto controllo medico, particolarmente se nel contempo si sta facendo uso di farmaci o altri integratori.

Fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16338717

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12959621

Author Info

Internazionale Biolife S.r.l.