Select Your Style

Choose your layout

Color scheme

Differenze tra i prodotti Kemolife e NKLife AHCC

L’AHCC è attualmente una delle molecole naturali più interessanti e utilizzate in ambito
oncologico
e per il trattamento delle patologie croniche.

Su questa molecola sono stati svolti diversi studi scientifici che ne mostrano le capacità terapeutiche. In commercio possiamo trovare diverse formulazioni di NKLife, dalla capsule alle comode bustine. Inoltre sul mercato vi è un nuovo prodotto, sempre a marchio Internazionale Biolife e a base di AHCC, che differisce da NKLife AHCC per alcuni aspetti che andremo ad analizzare. In breve, possiamo anticipare che la quantità di AHCC dei due prodotti varia.

 

AHCC

Iniziamo per prima cosa a chiarire un punto fondamentale che riguarda l’AHCC. AHCC è un marchio registrato e brevettato, ciò significa che la produzione della molecola deve seguire delle procedure standard, che non possono essere modificate dal produttore.

I prodotti a base estratti del fungo Shiitake, al contrario, hanno una concentrazione variabile che influisce sulla loro efficacia.

I prodotti a base di AHCC, a parità di quantitativo assunto, contengono la stessa dose di molecola fungina, ciò che differisce è invece il tipo di sostanze associate ad AHCC, che possono avere effetti diversi.

 

Le differenze tra i prodotti Kemolife e NKLife

Premesso che non c’è un prodotto migliore dell’altro, come anticipato, la differenza principale sta nelle sostanze e negli eccipienti che, oltre ad AHCC, vanno a comporre l’integratore. In base alle specifiche esigenze, si potrà optare per assumere l’uno o l’altro prodotto.

NKLife AHCC è un prodotto più concentrato. Si compone infatti solamente di due ingredienti, di cui uno è la molecola di AHCC (quindi l’estratto di AHCC ottenuto tramite metodo standard), mentre l’altro è la capsula di proteine vegetali che la protegge dal contatto con l’aria. Nel momento in cui la capsula arriva nello stomaco, l’acidità gastrica distrugge la gelatina esterna e il contenuto viene liberato. Rimane quindi nell’apparato digerente fino all’arrivo nell’intestino, dove viene assorbito per poi entrare in circolo.

Ogni capsula di NKLife AHCC contiene 500 mg di AHCC, mentre il resto (corrispondente a 300 mg) è costituito dal rivestimento della capsula.

Kemolife è un prodotto meno concentrato, perché non si compone solo di AHCC.

Nell’integratore troviamo:

  • beta-glucani: zuccheri dalla struttura simile agli alfa-glucani di AHCC, provenienti però dal Saccharomyces cerevisiae, il comune lievito di birra. Opportunamente trattati, questi zuccheri hanno un effetto simile a quello di AHCC, però le fonti scientifiche sono meno precise su questo tipo di utilizzo rispetto a quanto dimostrato con AHCC;
  • vitamina C: è la semplice vitamina che si può trovare all’interno della frutta e della verdura, ha attività antiossidante e, in generale, se ne consiglia l’assunzione anche durante le terapie oncologiche, per cui il Kemolife può essere utile nei malati di cancro per assumere due sostanze benefiche in un unico prodotto.

La presenza di questi componenti fa sì che la dose di AHCC sia ridotta nel Kemolife, infatti ogni compressa  ne contiene solamente 200 mg. Per contro, con il Kemolife si assumono altre due sostanze molto importanti che non sono contenute in NKLife AHCC.

NKLife AHCC è un immunostimolante consigliato come coadiuvante nel trattamento dei condilomi e per combattere il virus dell’HPV che, in particolare nelle donne, può causare il cancro. In generale è un integratore valido in tutti i casi in cui il paziente è immunodepresso, ad esempio a causa di malattie croniche, anche di origine autoimmune, oppure di stress o terapie oncologiche.

Si tratta di un prodotto molto concentrato, che va assunto nel giusto dosaggio, per ottenere il massimo beneficio.

Kemolife è sempre un immunostimolante ma, a differenza del precedente, è un prodotto nuovo, particolarmente utile in pazienti affetti da malattia oncologica, perchè oltre all’AHCC contiene anche la vitamina C e i beta-glucani. Certamente può trovare impiego anche come integratore contro l’HPV, specie a scopo preventivo, per evitare l’insorgenza dei condilomi.

La cosa importante, nella scelta di uno dei due prodotti, è farsi consigliare dal proprio medico di base, anche in merito ai dosaggi da assumere, per essere certi di assumere l’integratore più adatto.

Author Info

Internazionale Biolife S.r.l.