Select Your Style

Choose your layout

Color scheme

Cistite interstiziale e immunoterapia naturale

Una delle patologie del tratto urinario che comportano più fastidio è sicuramente la cistite interstiziale cronica, che si manifesta proprio con un dolore alla vescica, specialmente al momento della minzione. Un dolore che può presentarsi come costante oppure intermittente, sebbene resti comunque presente nel tempo anche diversi mesi. Le cause che scatenano questa patologia ad oggi non sono molto chiare, ed è anche per questo che stabilire la migliore terapia possibile non è semplice.

Certamente esistono delle ottime cure per migliorare sensibilmente le condizioni di chi è affetto da cistite interstiziale, e unitamente alle terapie mediche stanno riscuotendo un certo consenso anche i trattamenti naturali immunoterapici con gli integratori di AHCC. Tuttavia, prima di parlare di come risolvere questa malattia serve capire come si struttura e perchè provoca questo dolore molto intenso. Ad essere colpiti dalla cistite interstiziale sono uomini e donne di qualsiasi età, anche se alcuni studi hanno dimostrato che il disturbo può sorgere più facilmente negli individui di sesso femminile. I medici, specialmente coloro che si occupano di questa patologia, sostengono che le possibile cause sono delle infezioni di natura batterica o virale, senza dimenticare le operazioni chirurgiche del tratto vescicale che possono comportare delle complicazioni.

Il dolore, forte e intenso, si avverte non appena l’urina entra in contatto con la parete della vescica. Una situazione che si verifica a causa dell’assenza della “protezione” della parete: in presenza di cistite interstiziale, infatti, le cellule della vescica non secernono i glucosaminoglicani, che servono proprio ad evitare che le sostanze tossiche di cui è composta l’urina vadano a lesionare la parete vescicale. Con la presenza di questa patologia non c’è alcuna rigenerazione del rivestimento mucoso: di conseguenza, la lesione non può avere una remissione spontanea.

La cistite interstiziale provoca quindi un dolore estremamente fastidioso, ma è anche particolarmente rischiosa per l’apparato riproduttivo dei pazienti e può provocare anche dei danni dal punto di vista psicologico, in quanto la qualità della vita del paziente è ovviamente molto precaria. Anche per questo, è opportuno procedere ad una diagnosi il più rapida possibile, per garantire al paziente una terapia efficace. Solitamente si pratica una cistoscopia, un’indagine con endoscopio per valutare la presenza di eventuali ulcerazioni sulla parete vescicale, da praticare in anestesia. Il medico preleverà, se lo riterrà opportuno, un pezzetto di parete vescicale che verrà analizzato con un esame istologico.

Quali sono le cure mediche più indicate per la cistite interstiziale? L’approccio terapeutico è di tipo orale, con l’assunzione di antinfiammatori e analgesici, anche se viene riferita una particolare efficacia degli antistaminici. La terapia endovescicale, invece, consiste in un’iniezione a base di acido ialuronico e condroitinsolfato all’interno della vescica, da praticare periodicamente: l’obiettivo è quello di garantire la rigenerazione della mucosa vescicale, uno “step” fondamentale per ridurre drasticamente il dolore provato dal paziente.

In ausilio alle cure mediche, si sta facendo largo anche l’utilizzo degli integratori di AHCC, anche se al momento questa applicazione non ha ancora ottenuto un effettivo riscontro negli studi specialistici. Molte persone affette da cistite interstiziale riferiscono di una riduzione del dolore e di un miglioramento della qualità della vita dopo aver assunto per un certo periodo di tempo gli integratori di AHCC, che favoriscono l’attività immunostimolante.

Con l’aumento delle difese immunitarie anche nel tratto vescicale, l’organismo riesce a combattere con più efficacia contro tutti i batteri che vanno a formarsi con maggiore intensità in una situazione di cistite interstiziale. Per questo, gli integratori di AHCC possono rappresentare una valida “spalla” per le terapie mediche normalmente utilizzate per trattare la patologia, dato che risultano particolarmente indicati per ridurre lo stress e favorire migliori condizioni fisiche. Sotto controllo medico, il paziente può assumere gli integratori di AHCC in associazione con i farmaci classici.

Author Info

Internazionale Biolife S.r.l.

WhatsApp chat